Materiali e attrezzature per il restauro e la conservazione
   

Vendita on line sorbitolo per la preparazione della gelatina per effetti speciali

  HOME PRODOTTI LABORATORIO DOVE CONTATTI MAPPA  

Sorbitolo in soluzione al 70%

Sorbitolo in soluzione al 70%

DESCRIZIONE DEL SORBITOLO IN SOLUZIONE AL 70%

Il sorbitolo è uno zucchero della famiglia dei Polialcoli e si presenta in origine come una polvere bianca facilmente solubile in acqua.
La tipologia in soluzione si presenta invece come un liquido trasparente, incolore, e leggermente viscoso, dove il sorbitolo è sciolto in acqua demineralizzata con una concentrazione del 70% e quindi pronto all’uso.
Il sorbitolo possiede la capacità di dare consistenza ai composti in cui viene aggiunto, trattenendo l'umidità e migliorandone la conservazione (inibisce lo sviluppo di lieviti, muffe ed altri microrganismi). Questa caratteristica, definita igroscopicità, rende il sorbitolo un ingrediente molto utile per mantenere più a lungo consistenza e morbidezza di molti prodotti cosmetici.
Nel settore degli effetti speciali e del trucco prostetico (special make-up effects) il sorbitolo in soluzione al 70% viene impiegato con ingrediente fondamentale, insieme alla gelatina in polvere 300 Bloom e alla glicerina, nella ricetta per la preparazione della gelatina pronta, migliorandone la resistenza e riducendone il ritiro.
Grazie infatti all'utilizzo del sorbitolo, la gelatina acquisirà la consistenza e l’elasticità tipici di tessuti e pelle umana.

Sorbitolo in soluzione al 70%

SCHEDA TECNICA

Flacone da 1 lt. € 7,00
Flacone da 5 lt. € 28,00

Istruzioni per l'uso

UTILIZZO DEL SORBITOLO IN SOLUZIONE AL 70% PER LA PREPARAZIONE DELLA GELATINA PER PROTESI ED EFFETTI SPECIALI

Mettere 100 grammi di gelatina in polvere 300 Bloom all'interno di un contenitore e versare dell'acqua demineralizzata fino a ricoprirla completamente. Lasciare che la gelatina assorba il liquido per alcuni minuti e una volta che i granelli di gelatina si saranno reidratati ammorbidendosi, scolare l'eventuale acqua in eccesso.
Dopodiché versare la gelatina reidratata in un pentolino per bagnomaria in rame oppure in un pentolino per bagnomaria in alluminio e scaldare su un fornello elettrico. L'acqua del bagnomaria deve essere mantenuta calda, la temperatura ideale è di 80-90°C. Per controllare con esattezza la temperatura dell'acqua e della gelatina, consigliamo di avvalersi di un termometro digitale con sonda.
Contemporaneamente scaldare in un secondo pentolino a bagnomaria 200 grammi di glicerina unita a 200 grammi di sorbitolo in soluzione al 70% . In questa fase dovremo aggiungere i pigmenti in polvere necessari per modificare il colore ed opacizzare la gelatina per renderla simile al colore della pella. Prima di aggiungere i colori in polvere consigliamo di stemperarli in un una piccola quantità di glicerina in modo da renderli cremosi e più facilmente disperdibili nel composto.
Quando la gelatina si sarà completamente sciolta nel primo pentolino, sarà il momento di aggiungere il composto di glicerina e sorbitolo che nel frattempo avrà raggiunto la stessa temperatura delle gelatina (circa 80-90°C).
Mescolare quindi il preparato così ottenuto fino alla completa omogeneizzazione degli ingredienti.
A questo punto la gelatina potrà essere tolta dal fuoco e colata all’interno di un contenitore e messa a raffreddare a temperatura ambiente (<35°C). Sconsigliamo di raffreddare la gelatina a basse temperature (es. in frigorifero o nel congelatore) in quanto si otterrebbe un gel con una minore resistenza.
Una volta solidificato, il composto acquisirà l’aspetto di gelatina vera e propria con la consistenza, l’elasticità ed il colore (se aggiunto in fase di preparazione) tipici di tessuti e pelle umana.
Per utilizzare la gelatina così preparata, sarà sufficiente riscaldare a bagnomaria oppure in forno (anche a microonde) a 50-60°C, la quantità necessaria al lavoro da eseguire e una volta tornata fluida, colarla all’interno di un calco precedentemente preparato e trattato con olio di vaselina con funzione distaccante. Dopo il raffreddamento sarà possibile sformare la protesi in gelatina dallo stampo con delicatezze e aiutandosi con del talco e farla poi aderire sulla parte anatomica da truccare utilizzando un adesivo specifico come il Pros-Aide.
La gelatina resa fluida potrà essere anche applicata e modellata con spatole per modellare, direttamente sulla parte anatomica da truccare, avendo cura di attendere che la sua temperatura scenda (<50°C) in modo da non bruciare a contatto con la pelle.
Dopo l'applicazione sulla pelle, gli eventuali bordi della protesi in gelatina potranno essere facilmente rimossi e sfumati utilizzando dell'acqua virginiana, per ottenere un risultato professionale e realistico dove la protesi in gelatina si confonderà perfettamente diventando un corpo unico con la pelle.
A questo punto sarà possibile per il truccatore terminare il lavoro, colorando la protesi utilizzando una palette di colori all'alcool.

Applicazione di una protesi in gelatina

Tutti i prezzi pubblicati si intendono IVA inclusa. Le informazioni riportate possono essere soggette a modifiche senza preavviso.
Web site design, testi e grafica Copyright © 2010 Antichità Belsito Srl. E' vietata la riproduzione anche parziale.
Antichità Belsito Srl - Sede legale: via Prisciano, 22/A 00136 Roma - Sede operativa: via Giovan Battista Gandino, 34-40 00167 Roma
Tel. 06.39.031.152 - Fax 178.220.7800 - E-mail: info@antichitabelsito.it - P.IVA/C.F. 04458921006