Materiali e attrezzature per il restauro e la conservazione
   

Vendita on line pasta epossidica per stampi

RESTAURO DORATURA E ICONOGRAFIA CALCHI E STAMPI IMPAGLIATURA MOSAICO DISINFESTAZIONE
SFX SCULTURA LAVORAZIONE DEL LEGNO TRATTAMENTO DEI METALLI PITTURA TRATTAMENTO DEL LEGNO

Pasta epossidica EPOPAST 400

Pasta Epossidica EPOPAST 400

DESCRIZIONE DELLA PASTA EPOSSIDICA EPOPAST 400

Conosciuta anche come pasta da laminazione, la EPOPAST 400 è una pasta epossidica bi-componente caricata con fibra di vetro (chopped strand) e studiata appositamente per essere utilizzata come resina in pasta da laminazione, in combinata con il gelcoat (gelcoat epossidico, gelcoat poliestere a pennello oppure gelcoat poliestere a spruzzo), per una facile, rapida e pulita produzione di stampi (calchi) in vetroresina, senza dover utilizzare il più complesso e classico sistema di laminazione con resina liquida (resina epossidica da laminazione, resina poliestere da laminazione) e fibre di rinforzo.

La pasta epossidica EPOPAST 400 è di facile lavorazione in quanto i due componenti si miscelano manualmente in rapporto 100:14 senza l'utilizzo di elettroutensili (salvo miscelazione di quantità elevate).
Dopo la miscelazione la pasta epossidica EPOPAST 400 acquisisce una consistenza morbida per un lungo tempo di lavorazione (2 ore a 25°C ) che la rende facile da spalmare e modellare come fosse argilla in particolare in angoli stretti o in forme complesse.
Dopo 24 ore dalla miscelazione la pasta epossidica EPOPAST 400 completa il processo di catalisi acquisendo una consistenza dura e fibrosa senza generare alcun effetto di ritiro.
La pasta epossidica EPOPAST 400 aderisce perfettamente inoltre sulle superfici dove è stata spalmata (es. gelcoat, resine, legno, schiuma poliuretanica, espansi, polistirolo, tavole poliuretaniche, e su se stessa).

Queste caratteristiche rendono la pasta epossidica EPOPAST 400 un prodotto ideale, non solo come sistema alternativo alla classica laminazione con resine liquide (resina epossidica da laminazione, resina poliestere da laminazione) e fibre di rinforzo per la realizzazione di stampi, ma anche come sistema generico di rinforzo o per riempire macro fessurazioni ed eseguire ricostruzioni su vetroresina, metallo, legno, cemento, PVC, poliestere, ABS, pietra, ecc.
Inoltre la pasta epossidica EPOPAST 400 può essere utilizzata anche come pasta da modellazione manuale per la realizzazione della prima mano "grossolana" (che dovrà essere poi rifinita con paste modellabili a finitura extra fine come la Apoxie Sculpt, Apoxie Clay, Milliput, pasta di legno epossidica, ecc.) durante la realizzazione di modelli anche di grande dimensioni.
La pasta epossidica EPOPAST 400 può essere anche utilizzata come materiale leggero da controstampo per calchi in gomma siliconica a "pelle" realizzati con una gomma siliconica spatolabile.

CARATTERISTICHE FISICHE DELLA PASTA EPOSSIDICA EPOPAST 400

Caratteristiche Resina Indurente Miscela
Rapporto
miscelazione in peso

100

14

114

Aspetto/Consistenza

Pasta fibrosa liquido Pasta fibrosa

Colore

grigio verde verde

Densità a 25°C (g/cm3)

0.90 0.97 0.91
(indurita)

Lavorazione
(minuti)

    120

Indurimento completo
(25°C)

    24 ore

CARATTERISTICHE MECCANICHE DELLA PASTA EPOSSIDICA EPOPAST 400

Caratteristiche Valore

Durezza (shore D1)

80

Ritiro (%)

<0.1

Temperatura di transizione vetrosa (Tg)

68°C

Spessore massimo di stratificazione (mm)

40


Pasta epossidica EPOPAST 400

SCHEDA TECNICA

Conf. da 1 kg + indurente (140g) € 21,50

Aggiungi al
Istruzioni per l'uso

APPLICAZIONE DELLA PASTA EPOSSIDICA EPOPAST 400

Per il corretto utilizzo della pasta epossidica EPOPAST 400 consigliamo di utilizzare i componenti ad una temperatura superiore a 15°C. Le caratteristiche fisiche del prodotto sono garantite in un intervallo di temperatura tra 18 e 25°C. Al di fuori di questo intervallo si potrebbero verificare variazioni di viscosità e reattività della resina.
La pasta epossidica EPOPAST 400 deve essere miscelata con il suo indurente rispettando sempre un rapporto di 100 parti di pasta più 14 parti di indurente in peso servendosi di una bilancia digitale. È necessario mantenere sempre il corretto rapporto 100:14 tra pasta e indurente per garantire una catalisi corretta del prodotto.
La miscelazione dei due componenti della pasta epossidica EPOPAST 400 si effettua manualmente, anche se per la miscelazione di grandi quantità di prodotto è consigliabile disporre di un miscelatore planetario. A tal proposito si consiglia di indossare dei guanti in nitrile oppure utilizzare la crema barriera Derma Shield.
Si consiglia di miscelare lungamente e accuratamente resina e indurente della pasta epossidica EPOPAST 400 fino ad ottenere una colorazione omogenea.
Una volta che la pasta epossidica EPOPAST 400 è stata miscelata con l'indurente, la reazione inizierà a progredire ed il composto ad emettere calore (esotermia) che accelererà ulteriormente la catalisi del prodotto, specialmente quando la pasta è in un grande volume o in una contenitore stretto. In questo caso è consigliabile spalmare la pasta epossidica il più presto possibile per prolungarne il tempo di lavorazione ed evitare il rischio di una rapida polimerizzazione. Ricordiamo comunque che, essendo la pasta a base epossidica, la durata del tempo di lavorazione varierà in modo significativo a seconda della temperatura ambiente, della temperatura iniziale della pasta e dell'indurente e della quantità di pasta miscelata contemporaneamente.
Una volta omogeneizzati i due componenti si procederà con l'applicazione manuale della pasta sul supporto da trattare, avendo cura di premere in modo particolare sugli spigoli vivi e sporgenti. Sarà possibile modellare la pasta epossidica EPOPAST 400 con le mani per tutto il tempo di lavorazione di 120 minuti.
Se si utilizza la pasta epossidica EPOPAST 400 per realizzare uno stampo a stratificazione con gelcoat, consigliamo di applicare sempre la pasta epossidica EPOPAST 400 sul gelcoat gelificato ma non polimerizzato, altrimenti potrebbero verificarsi spiacevoli effetti di delaminazione. A tal proposito consigliamo di premere con decisione la pasta epossidica EPOPAST 400 sul gelcoat parzialmente indurito per creare uno strato uniforme di rinforzo con uno spessore compreso tra 12 e 25 mm. Fare attenzione durante l'applicazione della pasta epossidica EPOPAST 400 ad evitare la formazione di vuoti d'aria. L'uso di un rullo garantirà uno spessore uniforme, l'eliminazione di vuoti d'aria e determinerà una struttura stabile della pasta epossidica.
Al termine dell'applicazione della pasta epossidica EPOPAST 400 sarà necessario attendere 24 ore (a 25°C) per il completamento della catalisi e quindi per la sformatura.

Pasta epossidica da laminazione

Tutti i prezzi pubblicati si intendono IVA inclusa. Le informazioni riportate possono essere soggette a modifiche senza preavviso.
Web site design, testi e grafica Copyright © 2010 Antichità Belsito Srl. E' vietata la riproduzione anche parziale.
Antichità Belsito Srl - Sede legale: via Prisciano, 22/A 00136 Roma - Sede operativa: via Giovan Battista Gandino, 34-40 00167 Roma
Tel/Fax 06.39.031.152 - E-mail: info@antichitabelsito.it - P.IVA/C.F. 04458921006